Konsolida

FAQ

Sulla base dell’esperienza ultradecennale dei nostri tecnici in questo settore, rispondiamo qui alle domande più frequenti.

Le iniezioni di resina espandente sono un metodo di consolidamento del terreno che prevede l'iniezione di una resina speciale nel terreno sotto le fondazioni. Questa resina si mescola con il terreno, espande, si scalda ed indurisce. In questa maniera si riempiono i vuoti, si diminuisce la tendenza al ritiro per essiccazione e si migliorano così le caratteristiche meccaniche del terreno riducendo così il rischio di cedimenti e di crepe strutturali.
Questo metodo per correggere problemi di cedimenti delle fondazioni, crepe nei muri e abbassamenti di pavimentazioni, viene utilizzato quando i problemi non sono dovuti a frane o smottamenti specialmente per gli edifici in muratura, con fondazioni modeste (o talvolta inesistenti), quando si vuole ridurre al minimo l’invasività, il tempo ed il costo dei consolidamenti, in ambienti interni e in spazi ridotti. Il metodo delle resine permette, senza grossi disagi, di poter rendere più omogeneo l’appoggio di tutto il fabbricato evitando così l’insorgenza di differenziali, all’origine della maggior parte delle crepe nei muri.
No, le iniezioni di resina sono un metodo non invasivo. Non richiedono scavi e possono essere eseguite senza provocare disturbi all'edificio trattato, né all'area e agli edifici circostanti.
Nei casi in cui il progettista scelga la tecnologia delle fondazioni profonde vengono usati per applicare la tecnologia delle fondazioni profonde anche nei muri portanti interni, nei siti con spazio limitato, quando si vogliono limitare scavi e vibrazioni
Le resine sono molto versatili e si applicano con successo nella maggior parte dei terreni, anche argillosi. Non sono applicabili su terreni di natura prevalentemente organica (torbe, etc) e sono da evitare nei terreni di natura coesiva iperconsolidati.
Le resine iniettate nel terreno non hanno alcun tipo di deperimento nel tempo e prove di laboratorio accurate ne hanno verificato la loro inalterabilità per lunghissimi periodi. Le resine sono esenti dai fenomeni di degrado dovute agli agenti chimici frequentemente presenti nei terreni, tipici del calcestruzzo armato e dei pali.
L’efficienza e la durata di un sistema di fondazioni è sempre legata al terreno sottostante. Con il sistema dei pali si crea una struttura che interferisce con strati di terreno più profondi, ritenuta generalmente più stabile. Con il sistema delle resine si va a trattare il terreno sottostante per renderlo meno modificabile dagli agenti atmosferici e altri cambiamenti legati all’attività dell’uomo (perdite, deviazioni di corsi d’acqua, scavi nelle vicinanze etc). Sono due tecnologie diverse per ottenere lo stesso risultato, ma purtroppo il terreno quand’esso non sia roccioso, è in continuo cambiamento e non ci sono metodologie per prevedere le variazioni millimetriche dei terreni nel corso degli anni e soprattutto dei decenni. Il vantaggio dei pali è quello di utilizzare il terreno più profondo, generalmente meno sottoposto a variazioni legate a fenomeni meteorologici; il vantaggio delle resine è dato dalla sua possibilità di integrazione nel tempo
La scelta del metodo di consolidamento più adatto dipende da molti fattori, inclusi il tipo di problema struttura, le condizioni del terreno e le caratteristiche dell'edificio. È essenziale consultare un tecnico esperto in consolidamenti o un'azienda specializzata come Konsolida per un'analisi dettagliata e una raccomandazione professionale che tenga in considerazioni tutti i fattori, non ultimo il rapporto tra costi dell’intervento e benefici

Chiedi un preventivo

Ti aiuteremo a trovare la soluzione migliore per te e la tua casa.